Le otturazioni dentali, odontoiatria estetica a Roma Colli Albani | Studio Kol

 

Lo Studio Kol, specializzato in odontoiatria estetica a Roma Colli Albani, pone particolare attenzione alle otturazioni dentali. L'otturazione (o riempimento) dentale è una comune procedura odontoiatrica indicata per restaurare i denti danneggiati da processi cariogeni, ripristinandone struttura, morfologia ed integrità. Questa è sempre anticipata dalla rimozione del danno (es. carie) e dall'accurata disinfezione della zona. Successivamente, il dentista procede otturando (ovvero tappando) le fessure od i canalicoli che i batteri hanno procurato al dente.


PERCHÉ OTTURARE UN DENTE


Gli obiettivi principali sono:
1. Curare la carie
2. Sigillare gli spazi dentali in cui potrebbero penetrare i batteri
3. Prevenire un ulteriore processo cariogeno
4. Alleviare il mal di denti
5. Otturare il canale radicolare in presenza di un dente gravemente scheggiato o rotto

Il riempimento del canale radicolare è una particolare otturazione che viene eseguita, durante la devitalizzazione di un dente, per riempire lo spazio in cui la polpa dentale (che è stata rimossa) risiede abitualmente, il trattamento così eseguito rientra nella fattispecie dell’odontoiatria conservativa mirante a restituire al dente la sua integrità strutturale evitandone l’estrazione.

COME VIENE ESEGUITO UN INTERVENTO DI OTTURAZIONE PRESSO LO STUDIO KOL A ROMA?


1. Anestesia locale del dente cariato: il dente viene "addormentato" affinché il paziente non percepisca alcun dolore durante la procedura
2. Eliminazione della carie dentale (il dente viene tagliato con speciali frese)
3. Riempimento del solco creato nel dente con appositi materiali (es. amalgame, resine ecc.): in questo modo, il dente viene otturato e, già dopo poche ore, è possibile riprendere la normale masticazione.

 

MATERIALI PER L’OTTURAZIONE


Esistono diversi tipi di materiali, che differiscono in termini di composizione, costo e prestigio.
Partiamo dalle otturazioni in mercurio abbinato ad altri metalli (argento, rame) con costo medio – basso e utilizzate generalmente per i denti posteriori. Seguono quelle in oro con alta tolleranza da parte del tessuto gengivale, costo elevato e durata superiore ai 20 anni.
Infine, le otturazioni bianche o in porcellana che presentano costi molto elevati, paragonabili alle otturazioni in oro ma con un risultato estetico molto soddisfacente. In questi ultimi due casi il materiale utilizzato è resistente, anti-macchia e presenta la stessa cromia del dente rendendone lucida la superficie.


QUANDO NON POSSIAMO RICORRERE ALLE OTTURAZIONI?

Quando un processo cariogeno danneggia una buona parte del dente, l’applicazione di una capsula in sostituzione all'otturazione diventa l’unica soluzione possibile.

 

 

 

 

 



Vai all'articolo originale

 

Faccette estetiche dentali a Roma Porta Furba

 

Lo Studio Kol, dentista a Roma Porta Furba specializzato in estetica dentale, applica le faccette dentali in ceramica a Roma Porta Furba, che sono restauri adesivi minimamente invasivi ad alta valenza estetica. Obiettivo dello Studio KOL è quello di proporre servizi di odontoiatria estetica a Roma Porta Furba di altissima qualità e accessibili a tutti.

Le faccette dentali (dette anche estetiche o veneers) sono restauri estetici applicati dal medico sulla superficie esterna dei denti per migliorarne l'aspetto o riempire gli spazi che si vengono a creare tra due denti contigui; si tratta di sottili lamine in ceramica o porcellana da cementare su denti esteticamente imperfetti, queste vengono "incollate" saldamente alla superficie esterna dei denti (quella a contatto con le labbra) per renderli esteticamente migliori e privi di imperfezioni strutturali.

Tale applicazione non ha solo funzione estetica ma anche correttiva, per esempio una malocclusione dentale creata da un dente non perfettamente allineato può essere corretta attraverso una faccetta estetica posta sul dente stesso.

 

 

 

QUANTI TIPI DI FACCETTE ESISTONO?

 

Le faccette dentali non sono tutte uguali, cambiano lo spessore ed il materiale utilizzato:
- lo spessore si aggira intorno ai 0,3-0,7 mm e le sue dimensioni devono coincidere perfettamente con quelle del dente destinato al restauro;
- per quanto riguarda il tipo di materiale utilizzato, le più resistenti e lucide sono indubbiamente quelle in ceramica ed in porcellana. Seguono le faccette in composito con facilità a scheggiarsi, incrinarsi e macchiarsi dunque con longevità limitata ma che permettono il ripristino estetico funzionale in un'unica seduta: si tratta di un "trattamento d'urgenza", scelto dal paziente per risparmiare sul prezzo finale e per ottenere un risultato immediato.

 

 

 

ED I VANTAGGI?


Oltre a migliorare l'aspetto del sorriso nell’immediato - specie quelle in ceramica - assicurano un miglioramento estetico dentale duraturo e stabile nel tempo, nel pieno rispetto dei tessuti del parodonto. Da non sottovalutare anche la semplicità d'intervento: non si tratta di operazioni chirurgiche invasive e non è dolorosa.
Anche se non sempre raccomandate per motivi esclusivamente estetici, le faccette dentali possono essere utilizzate anche nei giovani pazienti: il margine tra il restauro e il dente risulta pressoché invisibile e la conseguente maturazione del parodonto non richiede alcuna sostituzione.

 

…MA GLI SVANTAGGI NON MANCANO


La principale nota dolente è il costo: sebbene possa variare in base al dente ed al tipo di materiale, il prezzo richiesto dal dentista per l'applicazione di una faccetta varia da (circa 600-2300 euro). Al costo eccessivo si aggiunge un altro inconveniente non trascurabile ossia, l'applicazione delle faccette estetiche su denti perfettamente sani di un giovane non è sempre consigliata per almeno due motivi:
1. la procedura richiede una rimozione della superficie dentale naturale del 3-30% tramite la limatura;
2. si stima infatti che dopo 10 anni dall'applicazione, la metà delle protesi dentali superficiali debba essere sostituita da faccette estetiche nuove.

 

 



Vai all'articolo originale